Tag Archives: attenzione

Vuoi attirare l’attenzione? Chiedimi come.

Ieri sera tornavo a casa un po’ stanca e un po’ sovrappensiero. Quando mi capita di essere così, mi piace camminare. Sono scesa a una fermata prima della metropolitana e ho percorso il vialone che mi porta a casa, un po’ rimuginando, un po’ facendo piani A, un po’ rivalutando piani B.
A un certo punto mi sono trovata a un incrocio a dare (in contemporanea)  la precedenza a un passeggino, far passare dei bambini che correvano e a evitare la furia di una signora che stava attraversando di fretta.
Mentre mi voltavo per far spazio a tutti, il mio occhio è caduto sulla spilla mimetizzata sulla maglietta a righe di una ragazza sudamericana: Vuoi perdere peso? Chiedimi come.
Non devo – credo – stare qui a spiegarvi di chi sia l’iniziativa ed è lontanissimo da me il pensiero di propinarvi i prodotti in questione.
Quello che so è che – però – quella pin (tecnologia 0.1 a un costo bassissimo, ormai superata e arcaica) ha superato qualsiasi ostacolo visivo e di attenzione (ero in mezzo a un incrocio, stavo cercando di non sbattere contro nessuno e il mio principale obiettivo era che nessuna macchian sbattesse contro me).
Altro che banner blindness.

Community management, le regole: vol. 7

Ti venisse mai in mente di scrivere di una cosa che non conosci bene, fermati.
La supercazzola in community diventa un boomerang. Dritto sui denti.
Chiedi, informati, cerca, documentati. Oppure meglio ancora chiedi a loro, agli utenti. E falli parlare. Non è questo il tuo mestiere?

(in senso lato, un po’ fuori contesto ma mica tanto: si parla tanto di curation e ci sarà sicuramente fra un giorno o fra un anno qualcuno che ne farà un mestiere. Per evitare di dare a un consulente un sacco di soldi per parlarti dell’ovvio, diventa per primo tu consulente di te stesso: chiedi alla tua community di dirti cose, di selezionare e aggregare informazioni, di rendere rilevanti quelle che davvero dicono qualcosa di importante, di diventare un consumatore esperto e anche parlante)

delirio di onnipotenza

di mestiere faccio anche alcune cose parecchio divertenti (altre meno).
una di queste è trasformare semplici link in fuochi d’artificio. e poi, come il 4 di luglio, stan tutti lì con la testa alta, gli occhi tutti all’insù e la bocca aperta. ci sono dei momenti, dei meravigliosi lunghissimi momenti, in cui sei come dio.
tranquillo, poi passa.